Login

Registrati Ricorda password

Offerte

Newsletter

PROSECCO SUPERIORE ''52'' EXTRA DRY, VALDOBBIADENE, SANTA MARGHERITA, VENETO


Prezzo*: € 11,90   Siamo spiacenti, il prodotto non è al momento disponibile.

Richiedi avviso

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

 

Descrizione tratta da recensionibarbariche.com di  Manuela Zennaro.

 

        La scheda tecnica consiglia di bere questo vino in un calice a tulipano di medie dimensioni a bocca richiudente…io vi dico che tutto sommato se evitate il tumbler, per il resto non mi cruccerei più di tanto nella scelta del bicchiere.

Le uve sono – ovviamente – Glera, allevate più o meno a 500 metri slm con sistema a sylvoz. La gradazione alcolica lo rende beverino (11,5% vol) ma questo non vuol dire che ve ne dobbiate calare una bottiglia intera da soli. Si tratta pur sempre di una cuvée, portate un minimo di rispetto.

Durante la fermentazione in autoclave i lieviti si scatenano, dopodiché, una volta raggiunta la condizione ottimale di sovrapressione e residui zuccherini, lo spumante affina per un mese e mezzo, sempre in autoclave e sempre a contatto con i lieviti (che nel frattempo sono stati inibiti, quindi è un po’ come dormire accanto a un eunuco, per intenderci).

Dopo tutta sta manfrina riempiamo finalmente il calice e analizziamo…il colore è il classico giallo paglierino, i riflessi ancora più classici sono verdolini. Il perlage è da manuale, quindi fine e persistente. Naso molto gradevole, bei profumi di fiori e frutti, rispettivamente pesco e mela (quella c’è sempre, voi dite che la sentite in ogni caso e fate la vostra matta figura) ma anche un tocco di frutta esotica, in questo caso ananas (lo dice la scheda tecnica ma lo dico anche io). In bocca rispetta la sequenza secco-caldo-morbido, ha una buona struttura ed è caratterizzato da una bella freschezza (che con la temperatura di servizio non ha nulla a che vedere ma mica posso dirvi tutto io). Viaggia verso l’armonia, d’altra parte si conserva per 2 – 3 anni al massimo. Per chi berrebbe prosecco a tutte le ore questo vino può accompagnare l’intero pasto ma se evitate di accoppiarlo alle tagliatelle con il cinghiale fate del bene a voi stessi e a lui.

Manuela Zennaro






Torna alla homepage